sabato 30 settembre 2017

QUATTRO DELEGATI REGGINI NEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEI GIOVANI IMPRENDITORI DI UNINDUSTRIA CALABRIA

Da sinistra Pizzichemi, Furfaro, Burza,
Barreca, Polimeni, Presentino
Il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Reggio Calabria sarà rappresentato da quattro suoi componenti in seno al consiglio direttivo (composto da quindici membri) del Gruppo dei Giovani Imprenditori di Unindustria Calabria.
Si tratta di Salvo Presentino (Romanella Drinks), Umberto Barreca (Redel srl), Giuseppe Pizzichemi (Conser srl) e Tito Polimeni (Policom srl). Ai quattro delegati reggini si aggiunge Samuele Furfaro, componente di diritto in qualità di presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Reggio Calabria.
L’elezione dei rappresentanti della territoriale giovanile reggina è avvenuta nel corso dell'assemblea regionale, riunitasi nella sede di Confindustria Catanzaro, che ha eletto Marella Burza alla guida del Gruppo Giovani Imprenditori di Unindustria Calabria.
“Si tratta di un risultato che ci riempie di orgoglio – commenta il presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Reggio Calabria, Samuele Furfaro – perché è il segno del proficuo lavoro che la nostra territoriale sta svolgendo sui tanti fronti che interessano lo sviluppo locale. Un lavoro che riscuote l’apprezzamento e la condivisione anche dei vertici regionali e in particolare del nuovo presidente, Marella Burza alla quale rivolgiamo i nostri auguri di buon lavoro per il nuovo corso appena intrapreso che, ne siamo certi, troverà nuovo slancio progettuale proseguendo lungo il solco tracciato dal predecessore, Mario Romano. La presenza dei nostri rappresentanti all’interno del direttivo regionale - evidenzia Furfaro - è anche espressione diretta di quattro brillanti realtà imprenditoriali del territorio reggino. Realtà che da anni stanno portando avanti modelli organizzativi e produttivi d’eccellenza, costruiti intorno ai fattori chiave che oggi stanno alla base dell’imprenditoria giovanile, ovvero innovazione, competenza e passione. Poter contare su una così qualificata presenza a livello regionale - prosegue il presidente dei giovani industriali reggini – è motivo di ulteriore stimolo per il prosieguo delle nostre attività e il rilancio dell’azione di rappresentanza del tessuto produttivo locale. Siamo da sempre fortemente convinti – conclude Furfaro – che solo mediante una strategia unitaria, condivisa e sinergica sia possibile affrontare adeguatamente le tante criticità e problematiche che ancora oggi affliggono il contesto socioeconomico reggino. Ed è in questa direzione che intendiamo, da subito, ripartire”.

Ufficio Stampa Confindustria Reggio Calabria
l.d./Labecom
Reggio Calabria, 30 settembre 2017

domenica 24 settembre 2017

STRUMENTI PER L'IMPRESA 4.0, LA CALABRIA RISPONDE PRESENTE

“Discutere oggi di impresa 4.0 vuol dire essere al passo con i tempi, con un’Italia, un Mezzogiorno ed una Calabria che vogliono essere competitivi in Europa e nel mondo. L’iniziativa di Fondolavoro e degli Ordini professionali di consulenti e commercialisti merita un plauso, per questo abbiamo voluto ospitarla in consiglio regionale sapendo l’importanza della tematica”. Il presidente del consiglio della Calabria, Nicola Irto, ha aperto così i lavori del convegno “Strumenti per l’Impresa 4.0”, che si è tenuto nella sala regionale Federica Monteleone.
“Parlare direttamente con le imprese di un nuovo modo di formarsi e rapportarsi al mercato digitale vuol dire fare un passo avanti per la nostra Regione”. Ha continuato Irto, aggiungendo: “Oggi la Calabria ha bisogno di lavoro competitivo e digitale. Per questo l’iniziativa di Fondolavoro assume un’importanza strategica per il futuro: rappresenta una pietra miliare nella discussione politica che deve mettere in campo gli strumenti legislativi per stare al passo con una formazione 4.0”.
All’iniziativa voluta dal Fondo interprofessionale e dai due Ordini, inserita nel percorso della formazione continua dei professionisti, moderata dalla giornalista Alessandra Giulivo, hanno partecipato il presidente di Fondolavoro, Domenico Mamone, l’assessore regionale al sistema portuale, Francesco Russo, l’onorevole Vincenza Bruno Bossio, della commissione d’inchiesta sulla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, Franco Laratta, del cda di Ismea, e il vicesindaco di Reggio Calabria, Armando Neri.
Le relazioni tematiche, invece, sono state discusse da Carlo Parrinello, direttore di Fondolavoro, su “Opportunità e prospettive dei fondi interprofessionali”; Benedetto Di Iacovo, esperto di politiche del lavoro, su “Regolarità, legalità e culture del lavoro”; Maurizio Ballistreri, professore di diritto all’Università di Messina, su “Politiche del lavoro”; Domenico Marino, docente di economia all’Università di Reggio Calabria, che ha chiuso su “Innovazione e internazionalizzazione”.
Per il presidente di Fondolavoro, Domenico Mamone: “La formazione continua oggi più che mai si dimostra indispensabile soprattutto nel nuovo scenario lavorativo con l’era della digitalizzazione. Il rapporto tra le imprese ed il consulente è sempre più imprescindibile: grazie a questi si riesce a conoscere realmente le esigenze delle aziende e le problematiche. Con il nostro supporto – ha concluso il numero uno del Fondo – individuiamo le reali necessità per mettere a disposizione del consulente informazioni e notizie che si renderanno disponibili per affrontare meglio le sfide e le esigenze dell’azienda sull’attività lavorativa e del mercato”.
Il focus sulla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione. Secondo l’onorevole Vincenza Bruno Bossio, “si stanno facendo passi avanti. È stato approvato da pochissimo il piano triennale per l’attuazione della digitalizzazione della P.A. per arrivare a quello che si definisce il “digital first”, cioè niente più carta ma solo transazioni, collegamenti e connessioni digitali. Finora questo avviene solo per la fatturazione elettronica, ma bisognerà scambiarsi tutta la documentazione ed i servizi, naturalmente coinvolgendo anche il cittadino”.
La soluzione, per la parlamentare, “è far diffondere una cultura sempre di più digitale fra i cittadini ed le imprese. Penso che iniziative come quelle di oggi – ha concluso Bruno Bossio – siano utili a far spostare offerta e domanda di lavoro nella direzione dell’industria 4.0 o quarta rivoluzione industriale, che è l’unica che può garantire l’effettiva uscita dalla crisi”.
Infine, dal mondo digitale all’agricoltura che per Franco Laratta “è l’unica grande attività produttiva rimasta in Italia e che interessa molto i giovani. Negli ultimi anni abbiamo registrato un boom di richieste di giovani che vogliono entrare nel mondo dell’agricoltura, pontando innovazione e formazione. È il futuro del paese – ha concluso uno degli amministratori di Ismea – che è rappresentato nel mondo da eccellenze enogastronomiche delle nostre imprese”.

martedì 19 settembre 2017

REGGIO CALABRIA, VENERDI 22 SETTEMBRE "STRUMENTI PER L'IMPRESA 4.0"

Una tavola rotonda sul tema del lavoro trattato ad ampio raggio con professionisti, mondo politico, sindacale ed universitario, con l’intento di coniugare gli aspetti e le sfumature che caratterizzano la cultura e la normativa del lavoro, la formazione continua, l’innovazione e l’internazionalizzazione. È la premessa del convegno “Strumenti per l’Impresa 4.0”, che si terrà a Reggio Calabria il prossimo 22 settembre alle 9,30 nella sala Federica Monteleone del consiglio regionale della Calabria. Organizzato da Fondolavoro, insieme all’Ordine dei Consulenti del Lavoro e l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed esperti contabili di Reggio Calabria, l’iniziativa è aperta ai professionisti dei due ordini e si inserisce nel percorso per la formazione continua obbligatoria.
All’appuntamento saranno presenti il presidente della Regione, Mario Oliverio, quello del consiglio regionale, Nicola Irto, il sindaco della città, Giuseppe Falcomatà, la deputata Pd, Vincenza Bruno Bossio, il presidente di Fondolavoro, Domenico Mamone, la presidente provinciale dei consulenti, Flaviana Tuzzo, quello dei commercialisti, Stefano Poeta, e il componente del c.d.a Ismea, Franco Laratta.
Le relazioni tematiche, invece, saranno discusse da Carlo Parrinello, direttore di Fondolavoro, che parlerà di “Opportunità e prospettive dei fondi interprofessionali”; Benedetto Di Iacovo, esperto di politiche del lavoro, che illustrerà il tema “Regolarità, legalità e culture del lavoro”; Maurizio Ballistreri, professore di diritto all’Università di Messina, che parlerà di “Politiche del lavoro”; Domenico Marino, docente di economia all’Università di Reggio Calabria, che chiuderà su “Innovazione e internazionalizzazione”.
«Al centro della nostra mission ci sono le aziende e gli imprenditori che con il loro lavoro sono da traino per l’Italia intera. Ma è imprescindibile un rapporto privilegiato tra il Fondo ed i consulenti e commercialisti». Ha detto il presidente di Fondolavoro, Domenico Mamone, soffermandosi sull’importanza della formazione continua: «In un mondo in continua evoluzione non si può prescindere da un aggiornamento costante della propria professione. Per questo è nostro intento offrire, da qui ai prossimi anni, cicli di seminari in tutte le regioni italiane».
Fondolavoro è un fondo interprofessionale paritetico che non persegue scopo di lucro ed utilizza le risorse degli enti beneficiari iscritti per finanziare piani formativi territoriali, settoriali, aziendali che favoriscono la competitività e l’occupabilità, oltre ad azioni di sistema funzionali alla corretta ed efficiente esecuzione delle attività formative stesse. Le azioni implementate da Fondolavoro sono coerenti con quanto stabilito dalle Associazioni U.N.S.I.C. – Unione Nazionale Sindacale Imprenditori e Coltivatori e U.G.L. – Unione Generale del Lavoro in sede di accordo interconfederale e con quanto espressamente deciso dall’Assemblea con l’approvazione del “Piano Operativo di Attività” 2017/2018.

venerdì 15 settembre 2017

GIUSEPPE NUCERA ELETTO PRESIDENTE DI CONFINDUSTRIA REGGIO CALABRIA

Giuseppe Nucera è stato eletto presidente di Confindustria Reggio Calabria dall'assemblea della stessa associazione di via del Torrione, con 124 voti favorevoli e 118 contrari. Nucera era stato designato candidato alla presidenza dal consiglio direttivo di Confindustria Reggio Calabria lo scorso luglio.

«Sarò il presidente di tutti gli imprenditori reggini», ha dichiarato il neo presidente durante la proclamazione. «Questa carica rappresenta per me un onore e un momento di grande responsabilità. Vogliamo dare il segno tangibile - ha aggiunto Nucera - che Confindustria riparte forte e coesa».