lunedì 21 dicembre 2015

PRESENTATO IL PREMIO DON ITALO CALABRO'
PER L'EDUCAZIONE DEI GIOVANI

Da sinistra don Pangallo, Nicola Irto, Anna Nucera e Mario Nasone
REGGIO CALABRIA - “Nessun escluso mai”. Era il motto di don Italo Calabrò, il sacerdote reggino impegnato nel sociale, dalla parte degli ultimi, scomparso 25 anni fa. Un esempio che il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto e l’intero Ufficio di Presidenza hanno inteso porre al centro di un’iniziativa che coinvolge il mondo studentesco: una borsa di studio riservata ai ragazzi delle quarte e quinte classi dell’istituto tecnico industriale “Panella-Vallauri”, in cui don Italo fu insegnante ed educatore per intere generazioni di giovani. L’iniziativa, volta a premiare il merito, è stata presentata a palazzo Tommaso Campanella, in occasione della stipula del protocollo d’intesa per l’istituzione del premio “Don Italo Calabrò per l’educazione dei giovani”, sottoscritto dal presidente Irto, da don Antonino Pangallo (direttore della Caritas diocesana e delegato del vescovo di Reggio-Bova, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini) e dal dirigente scolastico del “Panella-Vallauri”, Anna Nucera.
"Nel 25° anniversario della morte di don Italo abbiamo pensato di ricordarlo così, dando l’opportunità a chi ha più talento di farsi strada da solo – ha spiegato Nicola Irto -. Don Italo Calabrò è stato un sacerdote impegnato per gli ultimi, i più poveri, i diseredati, per le persone messe ai margini della società. Il suo messaggio e il suo impegno, volti a perseguire un’uguaglianza vera tra le persone, è di assoluta attualità. Oggi quel motto, “nessuno escluso mai”, deve ispirare l’azione del Consiglio regionale. Abbiamo ridotto i costi di funzionamento dell’Assemblea, soprattutto in termini di spese di rappresentanza, ma ben volentieri investiamo sui giovani e sulla loro formazione".
Il premio ha come tema l’ideazione di un elaborato avente ad oggetto la storia, gli eventi ed i messaggi più significativi che hanno caratterizzato la vita del sacerdote reggino e che testimonino l’opera da lui svolta. Agli autori dei migliori elaborati sarà riconosciuta una borsa di studio per l’acquisto di tecnologie, sussidi e corsi di formazione. L’investimento complessivo deliberato dall’ufficio di presidenza è di 8mila euro. Per l’organizzazione del premio il Consiglio regionale si avvarrà della collaborazione del centro comunitario “Agape” (componente della commissione diocesana per il 25° anniversario della morte del religioso reggino) rappresentato in conferenza stampa dal presidente Mario Nasone. Per quest’ultimo "quella di don Italo è stata una figura grande, cristallina, che si è spesa per i giovani e per ridurre le diseguaglianze sociali. La sua è stata un’educazione “parlata”, fatta non di “discorsi” ma di comunicazione da persona a persona. Era condivisione e cura della vita dei giovani, per aiutarli ad avere la schiena dritta di fronte al clientelismo e alla mentalità mafiosa".
Don Antonino Pangallo ha ringraziato "il Consiglio regionale e il presidente Irto per aver deciso di ricordare adeguatamente la figura di don Italo, il cui impegno è stato oggetto di riconoscimento a livello cittadino e anche nazionale, ma mai fino a questo momento su scala regionale. Adesso occorre lavorare per diffondere in tutta la Calabria l’esempio di questo straordinario sacerdote». La dirigente del “Panella-Vallauri” Anna Nucera, infine, ha ricordato don Italo «come docente ed educatore in una scuola in cui ancora oggi si percepisce tutta la sua eredità morale per il diffuso senso di solidarietà e lo spirito di condivisione tra i ragazzi".

sabato 19 dicembre 2015

ENTUSIASMO AL “GRANILLO” PER L'EVENTO BENEFICO A FAVORE DELLE POPOLAZIONI COLPITE DALL’ALLUVIONE

REGGIO CALABRIA - Le rappresentative reggine dei Consulenti del lavoro, Amministrazione comunale, Commercialisti e Avvocati si sono sfidate in un quadrangolare di calcio organizzato dall'associazione Giovani consulenti del lavoro nell'ambito delle celebrazioni per il cinquantesimo anno della costituzione dell'ordine provinciale reggino. La manifestazione, patrocinata dal Comune e dalla Provincia di Reggio Calabria, è servita a raccogliere fondi per aiutare i territori che nello scorso ottobre sono stati colpiti da un'alluvione che ha causato gravissimi danni. Teatro dell’evento lo stadio della città, l’ Oreste Granillo. Viva partecipazione da parte dei cittadini e del mondo della scuola che non hanno fatto mancare il loro sostegno, secondo lo spirito di festa e di coesione che ha animato l’evento. 
"Il nostro scopo era principalmente quello di sensibilizzare i giovani verso le problematiche di un territorio che è appartiene a tutti - ha evidenziato Beniamino Scarfone, presidente dell'associazione ‘Giovani consulenti del lavoro’ - la numerosa partecipazione di istituti quali il ‘Righi’, il ‘Fermi’, il ‘Boccioni’ e il ‘Volta’ di Reggio Calabria, ci dà la conferma che l'obiettivo è stato raggiunto. Non ci aspettiamo di poter contribuire in maniera rilevante alla ricostruzione di strade intere – ha proseguito -, ma è giusto che i nostri ragazzi siano coinvolti e fatti sentire vicini ad una comunità che troppo spesso viene lasciata a se stessa. Non si è fatto molto per questi territori e anche i media li hanno un po’ dimenticati.
Per questo motivo voglio ringraziare in primo luogo l'amministrazione comunale per il contributo esemplare dato all’evento avendoci consentito di disputare le partite in quello che è il tempio del calcio reggino. Ringrazio le nostre guest star Francesco Cozza e Sergio Campolo, che hanno voluto partecipare al quadrangolare. Ringrazio il presidente amaranto Mimmo Praticò e il simpaticissimo Pasquale Caprì, presenti oggi qui con noi. Senza dimenticare ovviamente ancora le scuole, a loro soprattutto va il mio grazie”.  Beneficienza e partecipazione hanno ispirato l’evento, quindi, ma anche la sfida in campo è stata sentita. Gli spalti hanno rumoreggiato ogni volta che Cozza riceveva palla, e le squadre partecipanti si sono date filo da torcere. I più determinati sono stati i Consulenti del lavoro che hanno portato a casa la medaglia d’oro. “L’ordine ha voluto fortemente esserci a questo quadrangolare – ha dichiarato Flaviana Tuzzo, presidente provinciale dell’ordine dei Consulenti del lavoro - e collaborare  all’evento soprattutto per lo scopo benefico, che non è il primo né l’ultimo a cui partecipiamo. Siamo felicissimi di vedere così tanta gente sugli spalti, la partecipazione è andata al di là delle nostre più rosee aspettative.

I colleghi si divertono, ma soprattutto gli studenti. Un ringraziamento sincero a tutti”. L’intrattenimento è stato affidato all’irresistibile comicità di Pasquale Caprì, che ha gigioneggiato sugli spalti e persino in campo non risparmiando nessuno con le sue gag e imitazioni. Un successo, quindi, e grande soddisfazione da parte di tutti, ma non è ancora finita. Domani, infatti, durante le celebrazioni serali del cinquantesimo dell’ordine provinciale dei Consulenti del lavoro verrà annunciata l’ammontare della cifra raccolta. 

r.p./Labecom 
Reggio Calabria, 19 dicembre 2015

ABBATTIMENTO IMMOBILI ABUSIVI, SICLARI (ANCE): "PROVVEDIMENTO GIUSTO, SI ACCELERI SU WHITE LIST"

Francesco Siclari, presidente Ance Reggio Calabria
REGGIO CALABRIA - “L’abbattimento di centinaia di manufatti abusivi nel Reggino è un fatto positivo, il cui valore sociale, ambientale e simbolico è pienamente condiviso dall’associazione provinciale dei costruttori edili. Siamo convinti che questo momento debba rappresentare lo spartiacque per le nostre aziende e per l’intero comparto, che ha un’incidenza rilevante sull’economia del nostro territorio. In passato sono stati commessi errori e bisogna riconoscere che le imprese edili non ne sono state esenti, così come la pubblica amministrazione e i professionisti”.
È quanto afferma il presidente di Ance Reggio Calabria, Francesco Siclari, che rivolge “un particolare ringraziamento al procuratore della Repubblica Federico Cafiero de Raho per aver assunto un provvedimento che l’inerzia delle pubbliche amministrazioni aveva a lungo rinviato”.
E a proposito dei lavori di abbattimento degli immobili abusivi, Siclari afferma che “la questione fa tornare d’attualità il problema, di natura puramente amministrativa, delle white list. È infatti giusto che i lavori vengano eseguiti da aziende che hanno ottenuto il certificato di qualità antimafia della Prefettura, ma sono molte le imprese che, in ragione della complessità delle procedure, sono da tempo in attesa di vedere esitata la richiesta di iscrizione alle stesse liste. Naturalmente auspichiamo che l’Ufficio territoriale del governo possa vedere in tempi brevi implementato il proprio organico, che andrebbe dimensionato in ragione della particolarità e dell’importanza di questa Prefettura”. Nelle more della definizione delle white list, però, propone Siclari, “si potrebbe valutare se estendere la possibilità di affidare tali lavori alle imprese che hanno già ottenuto una liberatoria antimafia o equipollente dalla Prefettura. È un’istanza che viene unanimemente avanzata dalle imprese iscritte ad Ance – conclude il presidente dell’associazione - per creare un sistema di relazioni tra aziende e pubblica amministrazione improntato in maniera efficace ed automatica a principi di legalità e trasparenza”.

Ufficio Stampa Ance Reggio Calabria  
Labecom 
Reggio Calabria, 19 dicembre 2015

venerdì 18 dicembre 2015

REGGIO CALABRIA, AL “GRANILLO” TORNEO BENEFICO DI CALCIO PER LE POPOLAZIONI COLPITE DALL’ALLUVIONE

REGGIO CALABRIA - Il mondo delle professioni scende in campo per aiutare le comunità cittadine della provincia di Reggio Calabria, che poco più di un mese fa sono state duramente colpite dall’alluvione. Domani, infatti, sabato 19 dicembre dalle ore 9 alle 13 lo stadio “Oreste Granillo” di Reggio Calabria ospiterà un quadrangolare di calcio in cui si sfideranno le rappresentative reggine dei Commercialisti, dell'Amministrazione comunale, degli Avvocati e dei Consulenti del Lavoro.
L’evento, organizzato nell’ambito del cinquantesimo della costituzione dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro della provincia di Reggio Calabria su iniziativa dell’associazione reggina Giovani Consulenti del Lavoro, vedrà la partecipazione anche del mondo della scuola che in gran numero sarà presente sugli spalti del “Granillo”. La manifestazione, il cui ricavato sarà devoluto ai territori che hanno subito ingenti danni in seguito ai violenti fenomeni atmosferici, si svolge con il patrocinio del Comune e della Provincia di Reggio Calabria e sarà scandita anche da momenti di puro intrattenimento che saranno assicurati dalla partecipazione dell’attore comico, Pasquale Caprì.
Il presidente provinciale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro Flaviana Tuzzo e il presidente dell’Associazione Giovani Consulenti del Lavoro di Reggio Calabria, Beniamino Scarfone, nel rivolgere l’invito a tutta la cittadinanza a partecipare numerosi ad un evento che intende proporre una giornata all’insegna del divertimento, dello sport e dell’impegno solidale, ribadiscono “l’importanza e il grande valore sociale che stanno alla base di questa iniziativa. Al riguardo vogliamo esprimere un sentito ringraziamento all’Amministrazione comunale, per la sensibilità dimostrata e per lo sforzo profuso sotto il profilo organizzativo per fare in modo che la manifestazione si svolga nel miglior modo possibile. In un momento di crisi – evidenziano Tuzzo e Scarfone - e di oggettiva difficoltà nel reperimento di risorse pubbliche a favore delle fasce più esposte del territorio, crediamo sia necessario promuovere momenti di fattivo impegno sul terreno della solidarietà e della vicinanza tangibile a chi è in difficoltà. L’appuntamento di domani intende esaltare proprio questo spirito di collaborazione che, partendo dal basso, con entusiasmo, coinvolge le istituzioni cittadine, il mondo delle professioni, la scuola e la società civile. Siamo certi – concludono Tuzzo e Scarfone - che la nostra città risponderà con il consueto calore, contribuendo con un piccolo gesto a tenere alta l’attenzione sui centri della provincia colpiti dal maltempo”.

l.d./Labecom
Reggio Calabria, 18 dicembre 2015 

giovedì 17 dicembre 2015

LEGGE DI STABILITÀ, BERNA (ANCE CALABRIA):
“ENNESIMO TRADIMENTO DELL’ECONOMIA DEL SUD”

Francesco Berna, presidente di Ance Calabria
CATANZARO - “La legge di Stabilità svela l’ennesimo tradimento ai danni del Mezzogiorno del Paese. L’inadeguatezza degli investimenti previsti per il Sud dal governo, purtroppo, non ci sorprende. Anzi ci conferma, una volta di più, come la classe dirigente nazionale e questo esecutivo in particolare abbiano il cuore, la mente e gli interessi al Nord”. È quanto dichiara il presidente di Ance Calabria, Francesco Berna. 
Secondo il rappresentante dei costruttori edili regionali, “il pacchetto di misure previste per il Sud ha un valore di 2,4 miliardi di euro in quattro anni, appena 600 milioni di euro l’anno per tutte le regioni del Meridione: una vera e propria elemosina. Siamo al paradosso – prosegue Berna -: invece di agevolare la riduzione del gap infrastrutturale, economico, finanziario e competitivo dell’area più disagiata e in crisi della Penisola, il governo dispiega un’azione politica volta ad incrementare il differenziale sociale ed economico esistente all’interno della nostra comunità nazionale”. Berna usa una metafora: “In ogni famiglia si tende sempre ad aiutare più i figli più fragili e in difficoltà e non quelli forti e che godono di situazioni di benessere. Ciò che sta avvenendo in Italia è l’esatto contrario: togliamo ai poveri per dare ai ricchi, con buona pace dei principi solidaristici che sono contenuti nella nostra Costituzione”.
Il presidente di Ance Calabria incalza: “Si pensi al credito d’imposta che prevede sgravi del tutto marginali, nella migliore delle ipotesi pari al 20%. O ancora, si pensi alle riduzioni contributive per i nuovi assunti. Al Sud siamo passati dal 100%, che era la percentuale di sgravio già esistente con la legge 407, al 40% di questa legge di Stabilità. Abbiamo così perso il 60% di sgravi contributivi, misura che invece è stata estesa al Nord, dove prima non esisteva e adesso è identica a quella prevista per le aree depresse. Ci sembra un provvedimento del tutto contraddittorio rispetto alla realtà economica del Sud che avrebbe bisogno non di decurtazioni, bensì di ulteriori incentivi in grado di stimolare l’occupazione e il lavoro. Una situazione che quotidianamente ci viene descritta dai principali osservatori economici italiani ed europei. Proprio oggi, la Banca centrale europea ha sottolineato come l’impatto della crisi sull’occupazione sia stato particolarmente pesante in Italia. E intanto il Masterplan resta confinato all’ambito delle belle parole e delle petizioni di principio”.
Francesco Berna prosegue: “Ancora una volta dobbiamo rilevare l’assoluta inconsistenza della classe politica che rappresenta il Sud alla Camera e al Senato. È vero che esistono delle eccezioni, con qualche parlamentare che ha esercitato le funzioni legislative e ispettive che gli competono nell’interesse dell’economia calabrese e meridionale, ma è innegabile che la maggior parte della nostra deputazione non riesce a incidere sulle sorti di provvedimenti che arrivano in aula praticamente ‘blindati’. Di fronte a tutto questo si sarebbero dovuti ribellare, creando una diga trasversale pro Mezzogiorno, e non votare con atteggiamento prono tali inaccettabili provvedimenti. Tutto ciò – conclude il presidente di Ance Calabria – avviene mentre l’economia regionale e soprattutto l’edilizia continuano a registrare un’emorragia di “partite Iva” e di occupati. È innescata una pericolosissima bomba sociale ma chi ha responsabilità in questo Paese non sembra rendersene conto”.

Ufficio Stampa Ance Calabria 
Labecom 
Catanzaro, 17 dicembre 2015 

martedì 8 dicembre 2015

“CONFINDUSTRIA PER I GIOVANI”, NUOVO PROGETTO FORMATIVO AL VIA NEL 2016

REGGIO CALABRIA - Continua il percorso di Confindustria Reggio Calabria sul terreno della formazione specialistica rivolta ai giovani che si affacciano al mondo del lavoro. Dopo il successo del progetto "Confindustria per i Giovani" dello scorso anno, realizzato nel contesto di Expo 2015, un nuovo appuntamento, sempre nell’ambito dello stesso programma rivolto alle nuove generazioni, è previsto per il prossimo anno. Si tratta di un’iniziativa formativa rivolta a 25 giovani neolaureati (Laurea triennale e/o magistrale conseguita non prima del 15 marzo 2015 ed entro il 15 dicembre 2015) che avrà inizio il 26 marzo 2016 con una durata complessiva di 5 mesi. Nel periodo di durata del progetto, i candidati prescelti avranno l’opportunità si svolgere uno stage presso una delle sedi del sistema di rappresentanza distribuite sull’intero territorio nazionale ed europeo.
Durante il percorso, oltre alla formazione istituzionale e specifica in aula, i giovani avranno la possibilità di svolgere un Master in “Gestione e strategia d’impresa” firmato “Il Sole 24 Ore Formazione” attraverso la sua piattaforma e-learning, e saranno accompagnati, come di consueto, da un'attività di counselling individuale. Ai vincitori del bando verrà inoltre riconosciuto un rimborso spese mensile per tutta la durata dello stage.
Per accedere alla selezione, i candidati devono compilare, entro le ore 10,00 del 15 dicembre 2015, l’apposita domanda di ammissione, esclusivamente mediante uso del sito internet dedicato (www.confindustriaperigiovani.it) ed allegare i documenti richiesti. Successivamente inizierà la fase di screening dei curriculum.

Ufficio Stampa Confindustria Reggio Calabria
l.d./Labecom
Reggio Calabria, 8 dicembre 2015