martedì 30 giugno 2015

GIOIA TAURO OSPITA CONFINDUSTRIA: "LA ZES E’ LA PRIORITA’, ISTITUZIONI SI IMPEGNINO"

Da sinistra Oliverio, Cuzzocrea, Laterza e Mazzuca
L’istituzione della regione geografica con regime fiscale agevolato, al centro dell’assemblea annuale svoltasi nella città della Piana. Presentata nell’occasione una monografia sul tema

GIOIA TAURO - Bilanci e proposte al centro dell’assemblea annuale di Confindustria Reggio Calabria svoltasi simbolicamente a Gioia Tauro, la città del Porto al centro dell’attenzione degli industriali che hanno nuovamente sollecitato l’istituzione della Zona economica speciale. Su questo tema, gli industriali reggini hanno presentato una monografia realizzata in collaborazione con Medcenter. 
L’assemblea si è aperta con i saluti del sindaco di Gioia Tauro, Giuseppe Pedà, del commissario dell’autorità portuale gioiese, Davide Barbagiovanni Minciullo, dell’amministratore delegato di Mct, Domenico Bagalà, del presidente di Unindustria Calabria, Natale Mazzuca e del presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa. I lavori sono stati poi scanditi dalla relazione del presidente di Confindustria Reggio, Andrea Cuzzocrea, dall’intervento del governatore calabrese, Mario Oliverio e dalle conclusioni del vicepresidente nazionale di Confindustria con delega al Mezzogiorno, Alessandro Laterza.
“Mai come adesso Gioia Tauro può rappresentare un punto di partenza per una nuova politica per la Calabria e per il Mezzogiorno. Crediamo nel confronto positivo con le istituzioni e lo abbiamo dimostrato lanciando il patto per la Calabria”, ha messo in luce il presidente di Unindustria Calabria, Natale Mazzuca che ha chiesto al presidente Oliverio di “fare in fretta perché la cronica situazione di difficoltà economica e sociale della nostra regione impone una svolta”.
 “Già largamente diffuse in Europa, le zone economiche speciali rappresentano un volano di crescita dei traffici e dei flussi economici. In Italia in realtà l’iter non è mai partito ma intanto si può lavorare facendo marketing territoriale e attirando investitori anche con sgravi fiscali ottenuti con altri strumenti normativi”, ha sottolineato l’amministratore delegato di Mct, Domenico Bagalà.   
Nella sua relazione, Cuzzocrea ha espresso perplessità sull’ipotesi di un’autorità portuale unica che comprenda Gioia Tauro e Messina. “La Zona economica speciale – ha aggiunto - è a nostro avviso una delle priorità, probabilmente la priorità per antonomasia per Gioia Tauro. Occorre la volontà politica del Governo nazionale di portare a compimento questo processo ottenendo per la Calabria uno status che sul piano normativo è assolutamente compatibile con la situazione di Gioia Tauro.  La Zes si può fare ed è probabilmente l’unico strumento in grado non solo di attrarre nuovi capitali ma anche di rendere competitive le aziende attualmente operanti nell’hinterland”, ha posto in evidenza il presidente Cuzzocrea che ha parlato, tra l’altro, di Città metropolitana, di trasporti, di legalità e ha posto l’accento anche sulla vicenda della Camera di commercio, “una questione condivisa dal Direttivo per ripristinare un principio di diritto”. 
La platea della sala "Fallara"
“Saremmo miopi se ipotizzassimo uno sviluppo della Calabria e dello scalo gioiese al di fuori delle complesse condizioni attuali del paese. Il Mezzogiorno  - ha evidenziato il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio - non può non essere assunto come punto da cui partire per riaccendere i motori dell’economia dell’Italia, dunque come frontiera di ogni sviluppo possibile. A fine settembre promuoveremo un’iniziativa nell’ambito della quale il Mezzogiorno si proporrà come risorsa per l’Italia nel contesto euromediterraneo. Stiamo lavorando in silenzio e con i fatti, basti pensare al prossimo investimento nel retro porto per costruire automobili”, ha aggiunto Oliverio.
"Siamo stanchi di attendere ancora risposte sulla Zes – ha detto Raffa - il Governo esprima un giudizio sul provvedimento fermo in Parlamento, senza far ricorso all'alibi dell'Unione Europea che non sarebbe d'accordo nel concedere a Gioia Tauro questo fondamentale riconoscimento".
Minciullo ha poi ribadito l’impegno “per creare le condizioni logistiche affinché le potenzialità dell'area siano valorizzate attraverso la Zes". Secondo Pedà, inoltre "riaccendere il riflettori sulla Zes e sul porto di Gioi Tauro è un'azione indifferibile. E' necessario però assicurare consequenzialità agli intenti espressi, con i fatti e dare risposte".
“Il porto di Gioia Tauro per i numeri che possiede - ha concluso il vice presidente di Confindustria, Laterza - deve assurgere a opportunità di sviluppo di carattere nazionale ed europeo, trascendendo la dimensioni locale. La Zes non è un obiettivo ma uno strumento. Le questioni con cui ci dobbiamo misurare subito sono la legalità e le garanzie che offriamo a chi investe a Gioia Tauro. Ci vogliono certezze anche in termini burocratici e amministrativi e un governo regionale efficiente e credibile”.

Ufficio stampa Confindustria Reggio Calabria 
a.f./ Labecom 
Reggio Calabria, 30 giugno 2015

giovedì 25 giugno 2015

A Crotone l’undicesima edizione del Torneo del Mediterraneo

La manifestazione riservata ad atleti nati nel 2001, si terrà il 3, 4 e 5 luglio 2015 al PalaMilone e al PalaKro. Ad organizzare la competizione sportiva il comitato calabrese della Fip 

E’ tutto pronto per la nuova edizione del Torneo del Mediterraneo. La prestigiosa manifestazione sportiva per il 2015 si svolgerà a Crotone e come negli anni passati sarà una sontuosa vetrina per la pallacanestro giovanile del Sud. Le rappresentative coinvolte provengono da Sicilia, Calabria, Basilicata, Molise, Abruzzo e Campania.  Tutte le compagini sono composte da atleti classe 2001 che oltre a gareggiare trascorreranno tre giorni di puro divertimento all’interno del villaggio turistico “Casarossa” sito sulla costa di Capo Colonna (Via Magna Grecia 18, Crotone).  Sarà dunque una grande festa di sport e aggregazione sociale, ma anche un momento di attenta verifica da parte della Federazione italiana pallacanestro, circa i progressi compiuti sui singoli territori dai movimenti giovanili. Un obiettivo, questo, su cui è fortemente impegnata a livello locale la Fip Calabria, presieduta da Sandro La Bozzetta, che proprio sul sostegno e sulla promozione dei vivai intende scommettere con convinzione per il rilancio del basket regionale. L’evento rientra nei tornei regionali approvati dal Consiglio federale e finanziati con i proventi derivanti dai Premi Nas. Le squadre che si contenderanno il titolo 2015 provengono dalla competizione che si è svolta a Roma (Trofeo delle regioni) nel mese di aprile. La selezione calabrese sarà allenata da Anna Astorino che effettuerà un ultimo raduno di preparazione prima del torneo a Catanzaro la settimana prossima. Lo staff regionale si completa con: il tecnico territoriale Pasquale Iracà, il dirigente Paolo Surace e gli assistenti allenatori Isidoro Silella e Valerio Tolomeo.

a.c./Labecom 
Crotone, 25 giugno 2015 

martedì 23 giugno 2015

PAGAMENTI ASP REGGIO CALABRIA, IL VICEPRESIDENTE BERTI: «SISTEMA PRIVO DI LOGICA. LE IMPRESE CHIUDONO, IL DEBITO AUMENTA»

Un momento della conferenza stampa
Il vicario di via del Torrione ricostruisce ogni passaggio: Grazie alle imposizioni della burocrazia regionale gli oltre 200 milioni inviati per il pagamento dei debiti giacciono nelle casse dell’Ente ed il loro mancato impiego produce ulteriori debiti per interessi di 16,5 milioni l’anno

REGGIO CALABRIA - «La situazione che si è determinata all'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria è paradossale, quasi kafkiana. Per un verso, apprendiamo dalla stampa di vicende che vanno certamente chiarite, in ordine ad alcuni pagamenti eseguiti due volte ed evidentemente autorizzati da qualcuno. Per l'altro, ci sono centinaia di imprenditori che rischiano di chiudere e migliaia di lavoratori che rischiano il posto, aspettando di ricevere dalla sanità pubblica somme legittimamente maturate». È quanto affermato, nel corso di una conferenza stampa, dal vicepresidente vicario di Confindustria Reggio Calabria, Valerio Berti, responsabile del settore Sanità degli industriali della città dello Stretto.  All’incontro con gli organi d’informazione hanno preso parte anche il presidente di Confindustria Reggio Calabria, Andrea Cuzzocrea e l’assessore provinciale alla Cultura e alla Legalità, Eduardo Lamberti Castronuovo.
«Nelle casse dell'Asp – ha spiegato Berti – ci sono 200 milioni di euro destinati a pagare i debiti dell'Azienda ma le sabbie mobili di una burocrazia regionale che paralizza il settore pubblico stanno portando a un inesorabile fallimento centinaia di creditori che restano insoddisfatti. E mentre tutto questo avviene, o per meglio dire non avviene, i debiti dell'Azienda crescono a dismisura per effetto degli interessi passivi che paga la collettività. In questo quadro, vogliamo capire anche con quali criteri si proceda alla scelta e all'ordine preferenziale dei creditori da pagare».
Con l'ausilio di slide, il vicepresidente Berti ha illustrato in maniera dettagliata il processo di esecuzione nei confronti dell'Asp: «Procedimenti nei quali l'inerzia della pubblica amministrazione sta generando interessi passivi fissati dalla legge all'8,25%. Tradotto in soldoni, sui 200 milioni di euro in possesso della BDE, la Bad Debt Entity, l'Asp vede crescere il proprio debito di 16 milioni e mezzo all'anno». 
Ad avviso del rappresentante degli industriali, «l'Asp, di fronte alla pretesa di un creditore che ha ottenuto un decreto ingiuntivo dal Tribunale, dovrebbe pagare automaticamente senza opporsi, perché l'opposizione strumentale è una forma di lite temeraria. L'Azienda, se si costituisce, sa già di soccombere in giudizio. E il contenzioso strumentale, secondo giurisprudenza della Corte di Cassazione, causa un danno erariale. Chi risarcirà l'Asp degli interessi passivi e delle spese legali?».
Il vicepresidente di Confindustria ha tenuto a sottolineare «l'impegno profuso dai vertici dell'Azienda, in particolare dall'attuale commissario Santo Gioffrè, che ha inteso fare chiarezza rispetto a situazioni che risalgono a molto tempo fa ma che producono effetti pesanti anche sulla gestione odierna del comparto. Un settore che, giova ricordarlo, assorbe circa il 70% del bilancio della Regione e dunque costituisce la principale voce di spesa per l'Ente. Al tempo stesso parliamo di un ambito che ha ricadute economiche, dirette e in termini di indotto, di enorme portata anche in provincia di Reggio Calabria». Berti ha evidenziato come «a fronte dei 60 giorni di tempo che la legge concede per il pagamento delle fatture, a causa dell'ipertrofia della burocrazia e della presenza di procedure cervellotiche, l'Asp di Reggio salda i suoi debiti in oltre 330 giorni, quando va tutto bene. Abbiamo calcolato che una fattura, prima di essere pagata, percorre oltre 1.200 chilometri dal momento in cui viene consegnata dal fornitore a quello in cui viene materialmente emesso il bonifico».
In questo quadro, le richieste di Confindustria Reggio Calabria sono chiare: «Evitare il contenzioso strumentale, pagando subito a fronte di un decreto ingiuntivo esecutivo; spiegare con chiarezza i criteri in base ai quali gli uffici amministrativi scelgono quali crediti soddisfare e quali no; e infine, quale sia il criterio di individuazione dell'ordine di pagamento dei creditori stessi». In questo contesto, ha concluso Valerio Berti, Confindustria Reggio ribadisce la propria «piena disponibilità a collaborare con l'Asp, come già più volte evidenziato in tavoli tecnici e pubblicamente, per uscire da un'impasse che sta causando danni pesantissimi all'economia del territorio».
«Stiamo registrando situazioni di illegittimità – ha rilevato il presidente Cuzzocrea - sotto il profilo amministrativo e burocratico, non più tollerabili. L’enorme mole di denaro pubblico a disposizione delle aziende non può rimanere ferma nei cassetti, specie in un momento come quello che stiamo vivendo, in cui le imprese faticano a restare in piedi e ad affrontare le sfide del mercato. Un’azienda, di qualunque settore, che ottiene un decreto ingiuntivo esecutivo, ha il diritto di essere risarcita del danno subito. Perché di danno parliamo quando delle prestazioni vengono retribuite magari dopo tre anni».
«Che l’Asp abbia la disponibilità di somme pari a duecento milioni di euro e non paghi – ha detto l’assessore Lamberti Castronuovo - è anche un problema etico strettamente legato al rispetto della legge. Le aziende in difficoltà che non possono fare nuovi investimenti mediante le somme a cui hanno diritto, generano delle criticità sotto il profilo occupazionale, imprenditoriale e, soprattutto, il rischio stesso di alimentare i cosiddetti poteri economici 'paralleli', visto che le banche oggi erogano somme con grande difficoltà».

Ufficio stampa Confindustria Reggio Calabria
Labecom/Reggio Calabria, 23 giugno 2015

venerdì 19 giugno 2015

CONFINDUSTRIA E BUGNION SPIEGANO COME COMUNICARE E DIFENDERE L’AGROALIMENTARE

L’origine e la storia dei prodotti italiani al centro di un partecipato seminario ospitato nella sede degli Industriali reggini, alla presenza di tanti imprenditori calabresi del settore 

Allargare il proprio business, creando nuove opportunità occupazionali. Questo il tema di fondo del seminario organizzato da Confindustria e Bugnion S.p.A. nel Salone degli Industriali reggini. L’obiettivo dell’incontro è stato quello di fornire indicazioni utili agli imprenditori del settore agroalimentare su come riconoscere, sfruttare e potenziare i beni immateriali delle proprie aziende. Per l’occasione la Bugnion S.p.A, società leader in Italia e in Europa nel settore della consulenza in proprietà industriale e intellettuale, ha anche inaugurato la propria sede reggina (in via Archia Poeta, 1).  “Accogliamo con soddisfazione il fatto che in un periodo di recessione come quello attuale – ha dichiarato il presedente della sezione Agroalimentare di Confindustria Reggio Calabria, Giuseppe Quattrone - una società leader come la Bugnion, decida di investire in un territorio come il nostro. La presenza di questa azienda sarà un’occasione utile per stimolare nuove opportunità di crescita e dare alle imprese quelle indicazioni necessarie per ampliare i propri confini di vendita”. 
“Pensare al marchio – ha poi affermato Renata Righetti, presidente Bugnion -  e alla creatività in un’ottica globale, rafforzando i propri beni immateriali, vuol dire esaltare e indentificare la qualità del prodotto.  La coerenza delle linee di sviluppo di determinate aziende,  può essere potenziata e così  arrivare in settori di mercato apparentamene lontani”. Durante i lavori si è inoltre analizzato il ruolo del brand, delle certificazioni e dei brevetti come strumenti di valorizzazione e tutela dei prodotti agroalimentari. “Il settore agroalimentare nel nostro Paese copre circa il 20% del Pil nazionale, pertanto rafforzare questo comparto è fondamentale – ha sottolineato  Laura Pellicanò, consulente marchi e legale Bugnion  -  nell’ottica di irrobustire il settore, il marchio riveste un ruolo fondamentale. E’ il marchio che collega i prodotti dell’impresa al consumatore, accrescendo al sua forza con l’accostamento, nello stesso prodotto, delle certificazioni Dop e Igp”. 
Il legale ha spiegato alla platea l’iter necessario par ricevere tale attestazione. La Calabria attualmente è al decimo posto per quantità di prodotti con questa certificazione che, naturalmente, contribuisce a incrementare le vendite. Maggiori opportunità di guadagno si hanno anche attraverso i brevetti.  Al riguardo, Emiliano Girometti, consulente brevetti Bugnion ha illustrato il cospicuo ventaglio a disposizione e l’importanza delle rivendicazioni in merito. “L’esclusività si può estendere – ha evidenziato – alla composizione di un prodotto, alla sua applicazione e al procedimento per ottenerlo. Non solo, forse non tutti sanno che anche il design può essere oggetto di brevetto”. Fondamentale è  anche l’etichettatura. Questo tema e soprattutto le novità del regolamento europeo in materia, sono state analizzate da  Elisabetta Guolo, ufficio legale Gruppo Tuo.
L’avvocato ha spiegato ogni passaggio, dalla posizione nel prodotto, ai caratteri da utilizzare e, soprattutto, ha illustrato le sanzioni che si possono incontrare se non si rispettano tali regole. Francesco Scocozza di Coop Italia, invece, ha spiegato come il sistema della grande distribuzione seleziona un prodotto fino agli scaffali dei propri punti vendita.
Infine, Anna Maria Tiozzo, presidente Whad, ha presentato i parametri strategici per posizionare un prodotto agroalimentare nei paesi arabi. “Quando si superano i confini europei, oltre alle regole di marketing tradizionali si deve tenere in conto un aspetto fondamentale: la normativa religiosa. Un terzo della popolazione mondiale è di fede mussulmana, se si vogliono vendere prodotti a questa fetta importante di potenziali utenti.  Fondamentale è la certificazione Halal, che attesta che il prodotto non ha violato nessun dettame religioso”.

Ufficio stampa Confindustria Reggio Calabria 
a.c./ Labecom 
Reggio Calabria, 19 giugno 2015

martedì 16 giugno 2015

Grande successo per il Minibasket Summer Tour Kinder + Sport 2015: oltre 700 i bambini coinvolti

L’evento, organizzato dal settore minibasket dalla Fip e dal Comitato calabrese della federazione, si è svolto sul lungomare Falcomatà. Momenti di gioco e tornei dedicati hanno coinvolto tanti piccoli atleti provenienti anche da  altre regioni meridionali.

Il comitato calabrese della Federazione italiana pallacanestro non poteva desiderare  di meglio. Sono stati infatti  oltre 700 i bambini (di età compresa tra i 5 e gli 11 anni) che lo scorso week-end hanno affollato il “chilometro più bello d’Italia” ovvero il lungomare Falcomatà di Reggio Calabria durante la tappa reggina della manifestazione nazionale dedicata al minibasket. L’evento ha inteso promuovere l’attività sportiva nelle nuove generazioni e i valori sani dello sport. Vivere in modo “sportivamente sano”, questo il messaggio primario che l’organizzazione ha voluto trasmettere con l’obiettivo di avvicinare ulteriormente le bambine e i bambini, attraverso il basket, a corretti stili di vita e invitando le famiglie a condividere con i propri figli momenti entusiasmanti. “Un grande successo e una fortissima partecipazione – ha affermato Sandro La Bozzetta presidente del comitato calabrese della Fip - che ci conferma la bontà del lavoro svolto dal comitato locale e ci fan ben sperare per il prossimo evento ovvero l’ undicesima  edizione del Torneo del Mediterraneo in programma  a Crotone il 4 e 5 luglio. Un ringraziamento da parte mia è rivolto ai tanti soggetti che a vario titolo hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento. Abbiamo fortemente voluto, coinvolgere attivamente i giovani non solo attraverso la pallacanestro ma anche tramite momenti d’incontro e di valorizzazione dei progetti sviluppati durante la stagione sportiva (Easy Basket e Play Pink),  infine abbiamo legato lo sport alla cultura organizzando un’apprezzatissima visita al Museo archeologico nazionale e ai Bronzi di Riace”. Molto significativa è stata l’esibizione della nazionale Under 22 del basket in carrozzina che ha offerto un momento di visibilità alla disciplina e agli atleti. “Per i nostri ragazzi – ha affermato il vicepresidente della Fipic Vincenzo Spinelli - è stata un’esperienza bellissima poter mostrare le loro abilità ed esibirsi sullo splendido lungomare reggino davanti ad un numeroso pubblico e per questo ringrazio la Fip Calabria per l’invito e l’attenzione prestata”. Grande partecipazione anche delle cestite coinvolte nel progetto ‘Play Pink’ che ha appassionato oltre 200 bambine. 
Notevole l’apporto dei partner commerciali e dei media coinvolti che hanno contribuito fattivamente alla promozione e alla buona riuscita della manifestazione. L’organizzazione dell’evento ha registrato l’apprezzamento dell’assessore allo Sport del Comune di Reggio Calabria Nino Zimbalatti e del presidente regionale del Coni Maurizio Condipodero. “Sono convinto - ha dichiarato Condipodero - che i bambini presenti  grazie all’impegno quotidiano dei loro istruttori saranno educati e formati attraverso dei sani valori che li faranno divenire eccellenti uomini, atleti e dirigenti sportivi. Complimenti al comitato Fip Calabria che, come me, crede che i grandi risultati si raggiungano assieme ed è sempre il collettivo che permette di arrivare lontano. Un plauso va all’impegno degli istruttori e dei volontari che hanno permesso tutto ciò dimostrando che un gruppo amalgamato e coeso riesce sempre ad ottenere risultati fantastici. Oggi, lo vediamo con la pallacanestro ma ciò è riscontrabile in ogni aspetto della società”. “E’ stato bello verificare durante il week-end – ha dichiarato l’assessore  Zimabalatti - che grazie allo sport  sono state tante  le famiglie reggine che hanno scelto il nostro lungomare per trascorrere qualche ora di svago con i propri figli. Mi auguro, insieme a tutta l’amministrazione comunale, che eventi simili possano contribuire a rendere ancora più speciale la prossima estate”.

Labecom
Reggio Calabria, 16 giugno 2015


CITTA’ METROPOLITANA E OPERE PUBBLICHE, INCONTRO FRA CONFINDUSTRIA E FALCOMATA’

Un momento dell'incontro
REGGIO CALABRIA - Un punto complessivo sulle politiche di sviluppo che interessano il tessuto produttivo e, più in generale, sulle azioni che l’amministrazione comunale reggina intende portare avanti sul fronte delle opere pubbliche. Su questi presupposti, fra le altre cose, si è svolta a palazzo San Giorgio, una riunione fra il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà e una delegazione di Confindustria Reggio Calabria, guidata dal presidente, Andrea Cuzzocrea e composta dal vicepresidente vicario, Valerio Berti, dal presidente di Ance Reggio Calabria, Francesco Siclari, dal presidente del Gruppo Giovani, Angelo Marra, dal presidente di Piccola Industria, Antonino Tramontana, dal presidente sezione Meccanica e impiantistica, Giuseppe Febert, dal componente del direttivo, Domenico Cozzupoli, dal presidente dei Giovani Ance Reggio Calabria, Antonino Foti, dal direttore di Confindustria Reggio Calabria, Francesca Cozzupoli e dal direttore di Ance Reggio Calabria, Antonino Tropea. Nel corso dell’incontro, voluto dall’associazione di via del Torrione e svoltosi in un clima di cordiale e fattiva collaborazione, si è discusso anche di Città metropolitana e delle prospettive legate al nuovo livello di governance.
Tema quest’ultimo considerato centrale dagli industriali reggini e, rispetto al quale, ha sottolineato Cuzzocrea, “chiediamo maggiore attenzione da parte del governo centrale. Come imprenditori siamo convinti che sia necessaria l’attivazione di una cabina di regia che coinvolga i tre soggetti pubblici chiamati in causa, ovvero Comune, Provincia e Regione. Da quest’ultimo ente, in particolare, attendiamo segnali chiari in merito a quelle che dovranno essere le funzioni della Città metropolitana. Tutto ciò, peraltro, richiederebbe anche la presenza di un vero e proprio city manager, cioè di una figura di altissimo profilo istituzionale in grado di guidare l’intero processo”. 
Per quanto riguarda il capitolo urbanistica e lavori pubblici, il presidente degli industriali reggini, ha inoltre rimarcato la necessità di attivare misure straordinarie per favorire la spesa. “Siamo consapevoli – ha aggiunto Cuzzocrea – delle difficoltà del momento, per questo occorre guardare a tutti gli strumenti finanziari disponibili come il Pon Città metropolitana, le risorse europee, i Pisl o il partenariato privato”. Sul tavolo è stata posta anche la questione legata alla rimodulazione della pressione fiscale a sostegno delle imprese, attraverso una nuova regolamentazione della Tosap. 
Da migliorare, poi, secondo Confindustria anche i rapporti fra gestione politica e apparato burocratico di Palazzo San Giorgio. “Troppe volte – ha evidenziato il presidente di Ance Reggio Calabria, Siclari – non riusciamo ad avere informazioni basilari dai dirigenti dei settori preposti. Non capiamo perché in questa città non si riesca ancora ad avere un sistema lineare e trasparente per ogni singola procedura amministrativa. E poi vorremmo capire quale sia la programmazione con riferimento alle risorse del Decreto Reggio”.
Dal canto suo il sindaco Falcomatà, ha ribadito l’impegno dell’amministrazione per arrivare nel migliore dei modi all’appuntamento con la Città metropolitana. “A Provincia e Regione si chiede uno sforzo di maturità che vada oltre ogni divisione politica e, devo dire – ha osservato il primo cittadino – che con il presidente Raffa, ciò sta avvenendo. In quest’ottica – ha aggiunto il sindaco – stiamo riorganizzando i collegamenti fra politica e burocrazia attraverso una rotazione dei dirigenti e, sulla scorta del nuovo decreto sugli enti locali, il coinvolgimento di dirigenti esterni di nostra fiducia. Siamo attivi anche sul Decreto Reggio – ha assicurato Falcomatà – con un’ottica rivolta ai lavori già avviati. Per il 2015, in particolare, i punti cardine saranno il parco lineare sud e le aste del Calopinace. Comprendo le difficoltà delle imprese, e credo che per migliorare il dialogo fra le parti, sia necessario concertare i vari argomenti con gli assessorati di riferimento. In tal senso – ha concluso il sindaco – sono fin da ora disponibile a promuovere incontri operativi ristretti su ogni singola questione”.

Ufficio stampa Confindustria Reggio Calabria 
l.d./labecom
Reggio Calabria, 16 giugno 2015 

venerdì 12 giugno 2015

REGGIO CALABRIA CAPITALE DEL MINIBASKET

Il 13  e 14 giugno il Summer Tour – Kinder + Sport 2015 approda al Sud Italia. L’unica tappa meridionale è stata allestita dal Comitato regionale della Federazione italiana pallacanestro 

Presentata questa mattina l’iniziativa “Minibasket Summer Tour – Kinder + Sport 2015” che invaderà Reggio Calabria con i piccoli atleti della palla a spicchi. Domani e dopodomani (13 e 14 giugno) l’area stazione Lido del lungomare Falcomatà sarà la location dei tre campi gonfiabili che ospiteranno le diverse manifestazioni in programma. L’evento  rientra nel programma nazionale volto ad incentivare la pratica sportiva fra i più piccoli  in particolare la disciplina del basket. La tappa reggina è stata promossa dal comitato regionale della Fip con il patrocinio del Comune di Reggio Calabria. “Come federazione – ha affermato Sandro La Bozzetta presidente della Fip Calabria  - abbiamo lavorato tantissimo negli ultimi mesi e soprattutto nel settore giovanile. Concluderemo l’anno agonistico a Crotone con l’undicesimo Torneo del Mediterraneo. Quest’anno abbiamo fatto conoscere la disciplina ai più piccoli grazie ai programmi dedicati alle scuole. La manifestazione del 13 e del 14 sarà una vetrina per far conoscere alla collettività la federazione e il nostro movimento”. L’evento sarà una grande festa per i più piccoli ma anche per le famiglie che potranno vivere due giorni di sano sport insieme ai propri figli. Fra i vari eventi correlati anche la visita ai Bronzi di Riace e l’esibizione della nazionale Under 22 di basket in carrozzina. “Mi aspetto – ha affermato in conferenza stampa il neopresidente del Coni Calabria Maurizio Condipodero - due giornate di grande entusiasmo. Vedere giocare i bambini è un momento altissimo e puro, fra di loro non c’è la volontà assoluta di vincere ma soltanto di competere. Lo sport sta attraversando un momento molto difficile, i giovani sono la nostra speranza per superare i molti ostacoli. Per il futuro mi aspetto una sana collaborazione da parte di tutti soggetti che operano nel mondo dello sport, oggi abbiamo bisogno di compattarci”.  “Lo sport è vita – ha affermato il consigliere comunale Antonino Castorina – da qui parte il coinvolgimento delle nuove generazioni. L’amministrazione insieme alla Fip regionale dà un segnale importante con questa manifestazione per rivitalizzare un territorio che ha bisogno di essere vitale e i giovani sono fonte inesauribile di vitalità”.
De Giorgio - Delfino - La Bozzetta - Laganà 
 “Da parte nostra - ha dichiarato il presidente del Consiglio comunale di Reggio Calabria Demetrio Delfino - c'è massima collaborazione per iniziative rivolte ai più piccoli e alla pratica sportiva. Abbiamo messo a disposizione le strutture, i servizi  e le aree per la realizzazione dell'evento".
“Coinvolgeremo – ha dichiarato Tonino De Giorgio consigliere nazionale Fip delegato Minibasket -  bambine e bambini dai 5 agli 11 anni in diverse attività. Ci sarà un campo dedicato a coloro i quali vogliono semplicemente ‘provare’ a fare canestro. Reggio è stata scelta fra le tre tappe italiane, insieme a Torino e Trieste, per ospitare una manifestazione di altissimo livello grazie al lavoro del comitato regionale e di tutti coloro hanno a cuore il movimento della pallacanestro. La Calabria è stata scelta come regione pilota del programma ‘Easy Basket’ che grazie ad un protocollo con l’ Ufficio scolastico regionale ha coinvolto centinaia di bambini e bambine delle scuole primarie calabresi”.  “I protagonisti – ha detto il delegato provinciale reggino del Coni Antonio Laganà – saranno i ragazzi. Quando una buona organizzazione lavora bene sui ragazzi ha il futuro assicurato”. Si inizia domani alle ore 10.00 per poi concludere le attività domenica 14 giugno alle ore 20.00. 

a.c./Labecom 
Reggio Calabria, 12 giugno 2015 

martedì 9 giugno 2015

Edilizia in Calabria, tra crisi e prospettive . Il 10 giugno assemblea pubblica per la presentazione del quadro congiunturale di settore

Si svolgerà a Lamezia Terme, domani 10 giugno, l’assemblea pubblica di Ance Calabria incentrata sullo stato dell’arte del comparto edilizio nella regione. L’incontro, in programma con inizio alle ore 11 nella sede di Unioncamere Calabria (via delle Nazioni, 24), sarà occasione per presentare il quadro congiunturale sull’edilizia. “Sarà l’occasione per presentare l’analisi più aggiornata su uno dei settori fondamentali dell’economia calabrese – ha affermato il presidente di Ance Calabria Francesco Berna – Illustreremo a un parterre istituzionale di alto livello le dinamiche del settore delle costruzioni. Comparto, questo, che ha sempre trainato il pil e l’occupazione nel Mezzogiorno e che deve essere sostenuto per far uscire questa terra dalla crisi. Se riparte l’edilizia riparte la Calabria”. Ad aprire i lavori, i saluti istituzionali del presidente di Unioncamere Calabria Michele Lico e del presidente del Consiglio regionale Antonio Scalzo. Il “Rapporto sulla Calabria” sarà illustrato da Flavio Monosilio, direttore del Centro studi Ance. Seguiranno gli interventi del presidente di Ance Calabria Francesco Berna, del presidente di Unindustria Calabria Natale Mazzuca e dell’assessore regionale ai Lavori pubblici e trasporti  Antonino De Gaetano. Le conclusioni sono affidate al presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e al presidente di Ance nazionale Paolo Buzzetti. 


Labecom 
Catanzaro, 9 giugno 2015 

domenica 7 giugno 2015

Anche la Saor Italia s.r.l. aderisce a Confindustria Reggio Calabria

Un momento dell'incontro 
Una big calabrese dell'agroalimentare alla conquista dei mercati mondiali


Proseguono le adesioni a Confindustria  Reggio Calabria  a conferma dell’ottimo lavoro di governance dell’associazione  guidata da Andrea Cuzzocrea. Questa grande famiglia, infatti, si è allargata alla Saor Italia s.r.l., azienda che si occupa della produzione di sughi e conserve e della loro distribuzione nel mondo. Nell’impresa di Gioiosa Ionica, di cui è titolare Rocco Crisarà,  la produzione è affidata a sessanta lavoratori  che operano in uno stabilimento moderno  che,  per i suoi standard di sicurezza  e igienico – sanitari,   ha ottenuto  certificazioni  di qualità, in alcuni casi uniche in Europa.  Standard qualitativi  che consentono alla Saor Italia s.r.l. di proporre i  prodotti  che nascono dalla trasformazione delle carni suine anche  in mercati come gli USA, il Canada e il Giappone generalmente impenetrabili per gli esportatori italiani.  Il titolare dell’impresa è un emigrato di ritorno. Rocco Crisarà, per molti anni, ha operato a Torino e in Piemonte, ancora oggi,  gestisce la seconda sede della sua azienda. 
Lo stabilimento di Gioiosa Ionica, nei giorni scorsi, è stato visitato dal presidente degli industriali reggini Andrea Cuzzocrea accompagnato, per l’occasione, dal presidente della sezione agroalimentare Giuseppe Quattrone e dal responsabile  marketing  Francesco Multari  della stessa  Confindustria. La visita si è svolta in un clima di cordialità. Grande interesse ha suscitato negli ospiti il processo produttivo affidato a  maestranze dalla grande professionalità. 
“Sono certo che Confindustria sarà in grado di rappresentare in modo concreto le esigenze di imprese che, come la Saor Italia, hanno deciso di investire in Calabria nonostante le difficoltà logistiche di questa regione”, ha detto l’imprenditore  Crisarà nel ringraziare la delegazione  guidata da Cuzzocrea.  “La Saor Italia  – ha detto ancora il titolare dell’azienda -  è una realtà  che si caratterizza  per  la scelta di operare solo nel campo dell’export verso l’estero, e ha acquisito una rilevante posizione di mercato mediante la partnership con alcuni colossi della grande distribuzione, tra gli altri Paesi, negli USA, in Inghilterra, in Francia, in Cina e in Giappone.  E il riconoscimento di questi mercati esteri ci aiuta a fare scelte di grande qualità nella trasformazione e commercializzazione  di prodotti  che sono un valore aggiunto per il nostro territorio”.  
“Questa azienda – ha evidenziato il presidente di Confindustria Reggio Andrea Cuzzocrea -  è una realtà che dovrebbe essere presa come modello organizzativo e commerciale da altre realtà che operano nella nostra terra.  Insediamenti produttivi di grande valore, a volte paradossalmente non molto conosciuti sul territorio ma apprezzatissimi lontano dagli investitori, al punto che Crisarà è un imprenditore calabrese che siede a tavoli importanti realizzando joint venture con grandi attori del mercato internazionale. I nostri associati vanno sostenuti, anche da parte pubblica, a non abbandonare la Calabria, che da questa tipologia di aziende potrebbe vedere alleviata la grande piaga della disoccupazione”.
Giuseppe Quattrone da parte sua ha messo in evidenza “il coraggio di un imprenditore  ritornato in Calabria perché crede  nel futuro della sua terra natia e da qui ha scelto, con lungimiranza, di puntare sui mercati più lontani dove il consumatore  preferisce la genuinità del nostro prodotto rispetto alla bassa qualità di certe produzioni industriali. Aziende come questa, che si contraddistinguono per la qualità ed efficienza dei processi produttivi, sono l’orgoglio di una  terra che, soprattutto nell'agroalimentare, continua a segnalarsi in positivo e non ha molto da invidiare alle realtà economicamente più evolute”. 

Ufficio Stampa Confindustria Reggio Calabria 
RC 7 giugno 2015 

sabato 6 giugno 2015

Maurizio Condipodero è il nuovo presidente del Coni Calabria

Maurizio Condipodero 
Maurizio Condipodero, 58 anni, è il nuovo presidente del comitato regionale Calabria del Coni. A eleggerlo è stato questa mattina il consiglio regionale del Coni che si è riunito a Reggio Calabria sotto la presidenza del commissario straordinario, Roberto Fabbricini. “Dedico questa vittoria a Mimmo Praticò, che mi ha affiancato in questa battaglia, e ai tanti amici che mi hanno sostenuto. È stata durissima ma siamo riusciti a ottenere un successo che voglio condividere con mia moglie e le mie figlie che mi sono sempre state vicine. Ma trovo doveroso rivolgere anche un pensiero a Pino Abate, l'altro candidato, che ha fatto del suo meglio”.
Condipodero aggiunge: “Ho già avuto modo di porre al primo punto delle mie linee programmatiche, e lo ribadisco anche adesso, che per me la gestione dello sport deve fondarsi sul rispetto assoluto del principio di lealtà e sulla più ampia condivisione dei programmi. Avremo modo, assieme alla mia squadra in giunta e al consiglio regionale del Coni, di sviluppare un programma che aiuti le federazioni e le società a far fronte ai numerosi problemi esistenti. Valorizzeremo le province finora meno protagoniste e attribuiremo responsabilità ad alcune dirigenti donne che hanno dimostrato di credere nel nostro progetto. Crediamo - conclude Condipodero - nel valore dello sport come elemento che unisce, aggrega e non divide”. 

Labecom 
Reggio Calabria, 6 giugno 2015 

Berna (Ance): “Edilizia scolastica, è tutto nelle mani delle stazioni appaltanti”

Il presidente regionale dei costruttori: “Per la Calabria solo 42 milioni sui 200 richiesti, ma non c’è tempo da perdere. Entro il 31 ottobre indispensabile l’aggiudicazione provvisoria delle gare per evitare il disimpegno delle somme”

“Le somme stanziate per la Calabria e destinate all’edilizia scolastica sono una piccola boccata d’ossigeno, una goccia d’acqua in mezzo al deserto, ma è di vitale importanza impostare immediatamente un cronoprogramma strategico per scongiurare il rischio del definanziamento delle risorse”. Lo sostiene il presidente di Ance Calabria Francesco Berna, commentando la notizie dello sblocco, da parte della Cassa Depositi e Prestiti, del finanziamento 2015 concesso dalla Banca europea per gli investimenti. Si tratta di un totale di 905 milioni a livello nazionale e, per la Calabria, sono previsti oltre 42 milioni di euro. Fondi che provengono dal cosiddetto “decreto mutui” dello scorso gennaio, grazie ai quali saranno attuati circa 1300 progetti con la novità dell’erogazione diretta ai comuni, senza passare per le regioni, per snellire l’iter burocratico. “Ad onor del vero – afferma Berna – la Calabria aveva richiesto una quota di oltre 200 milioni di euro, dal momento che occorre colmare gap storici e che l’edilizia scolastica deve essere una priorità. Il livello di sicurezza e di decoro delle scuole che frequentano i nostri figli è infatti un indice basilare di civiltà. In questo senso, i 42 milioni sono solo una piccola parte e comprendono un numero assai limitato di plessi scolastici, ma soprattutto sono ben poca cosa rispetto alle complessive esigenze di messa a norma dei diversi edifici per i quali occorrerebbe circa un miliardo. Gli interventi da porre in essere sono di varia natura: dalla messa in sicurezza degli immobili alla costruzione di nuovi plessi, dall’ammodernamento degli istituti alla manutenzione ordinaria. Tenendo conto, però, del delicato momento storico e della difficoltà di reperire risorse, ritengo che poter disporre di 42 milioni di euro sia un fatto comunque da accogliere non negativamente anche perché si tratta di somme che non rientrando nel patto di stabilità evitano qualsiasi problema di rispetto dei vincoli della finanza pubblica”. 
Il presidente regionale di Ance Calabria avverte: “Mi preme sottolineare un concetto basilare: non possiamo permetterci nessun ritardo in quanto esistono scadenze precise da rispettare tassativamente. Entro il 31 ottobre, infatti, si dovrà quanto meno procedere con le aggiudicazioni provvisorie degli appalti, altrimenti si arriverà alla scadenza del 30 novembre con il definanziamento delle somme. A quel punto lo Stato si riapproprierà delle risorse per reinvestirle su altri territori e sarebbe qualcosa di inaccettabile e ingiustificabile. La Calabria a volte viene particolarmente penalizzata dalla complessità dei procedimenti burocratici ma, fortunatamente, dispone di tecnici validi e capaci di pianificare al meglio le strade da percorrere, ad esempio per la predisposizione dei bandi con procedura d’urgenza, riducendo al massimo le perdite di tempo ed evitando che il 31 ottobre prossimo si materializzi lo spettro del definanziamento. Ritengo che oggi ci siano le condizioni per raggiungere l’obiettivo, perciò mi viene naturale lanciare un forte appello alle stazioni appaltanti degli enti locali, affinché vengano attuate misure di urgenza impostando un lavoro sinergico tra tutte le componenti coinvolte. Proprio i dirigenti e i funzionari delle stazioni appaltanti hanno una grande e diretta responsabilità che siamo certi assolveranno nel migliore dei modi. Da parte dell’Ance, ovviamente, esprimo la massima disponibilità a predisporre la migliore strategia esistente, in grado di superare le fisiologiche criticità. E’ necessario un forte senso di responsabilità perché intervenire sull’edilizia scolastica significa, in primis, contribuire alla sicurezza e al futuro dei nostri figli, senza dimenticare che 42 milioni di euro, immessi sul territorio calabrese, produrranno comunque ricadute positive per il tessuto imprenditoriale e per i lavoratori”. 
Il presidente Berna conclude formulando l’auspicio che “l’appello venga immediatamente raccolto e che, in tempi brevissimi, si proceda con l’istituzione di una cabina di regia per il monitoraggio e la verifica del rispetto dei tempi, alla quale Ance Calabria, con il coinvolgimento delle sue Territoriali, è pronta a partecipare nell’esercizio delle sue funzioni di rappresentanza della categoria dei costruttori edili, al fine di gestire al meglio questa grande possibilità”. 

g.m./Labecom 
Catanzaro, 6 giugno 2015 

venerdì 5 giugno 2015

TURISMO, FIRMATO PROTOCOLLO FRA LA REGIONE CALABRIA E QINGDAO TOURISM ADMINISTRATION

Il momento della firma del protocollo
Presente alla sottoscrizione dell’intesa, che punta a incrementare l'interscambio commerciale fra le due realtà territoriali, il presidente di Federturismo Calabria, Giuseppe Nucera, che nei mesi scorsi era stato nella provincia cinese per l’avvio dei primi contatti propedeutici all’accordo 

ROMA - E’ stato firmato a Roma, nella sede della Regione Calabria, il protocollo di collaborazione tra l’Ente regionale e la provincia di QingDao, settima città della Cina situata nel nord est del paese. L'iniziativa promossa da AT Group, azienda calabrese diretta Concetta Tassone che da diversi anni opera nella Repubblica Cinese, ha gettato le basi per future collaborazioni tese a incrementare l'interscambio commerciale tra le due realtà territoriali.
All'incontro nella Capitale, era presente Giuseppe Nucera, presidente di Federturismo Calabria e responsabile della sezione Turismo di Confindustria Reggio Calabria, che nei mesi scorsi era stato proprio a QingDao per l’avvio dei primi contatti che hanno poi condotto alla firma del protocollo. 
Alla delegazione cinese, guidata da Luo Wan Fei, Deputy director (General Counsel) di QingDao Tourism Administration, sono state illustrate le numerose risorse territoriali che la Calabria può mettere in campo, in particolare, attraverso il comparto agroalimentare che insieme al turismo costituiscono i punti di forza mediante i quali la regione può fare breccia nell'immenso mercato cinese. Al centro delle conversazioni anche il porto di Gioia Tauro e l'area industriale adiacente che, specie se sarà istituita l'area franca, rappresentano per le imprese cinesi un punto strategico di fondamentale importanza.  
“In questa direzione – ha spiegato Nucera – ho avanzato alla delegazione della provincia cinese di QingDao, la proposta di una visita in Calabria, da organizzare in tempi brevi e a cui potranno prendere parte imprenditori e giornalisti. Ritengo, infatti, necessario – ha evidenziato il presidente di Federturismo Calabria – che il tessuto produttivo cinese e la stessa opinione pubblica, abbiano reale contezza delle grandi opportunità, commerciali e imprenditoriali, che la collaborazione con la nostra regione può generare”.
Al riguardo il sistema imprenditoriale che fa capo a Federturismo Calabria, ha inteso avviare un percorso in grado di creare le condizioni ideali affinché, gli operatori della regione, possano avere una presenza di rilievo nell’ambito del mercato cinese.
“Possediamo un patrimonio di indiscusso valore, sotto il profilo culturale e agroalimentare – aggiunge Nucera – assolutamente capace di attrarre i grandi flussi turistici che stanno arrivando in Europa. Sono convinto che le iniziative che come Federturismo Confindustria abbiamo avviato, daranno presto dei risultati concreti. Mi preme inoltre evidenziare – rimarca il presidente di Federturismo Calabria – il fatto che gli imprenditori cinesi si muovano solo dopo che le loro autorità politiche, hanno siglato accordi e stabilito relazioni con le istituzioni locali. In questo senso altre regioni italiane hanno compiuto passi in avanti e oggi, sono già protagoniste all’interno dei circuiti economici e produttivi cinesi. Occorre dunque – sottolinea Nucera – recuperare il ritardo accumulato e valorizzare al meglio le nostre eccellenze. Il sistema imprenditoriale che fa capo a Confindustria, è già strutturato per fornire l’assistenza necessaria ad accompagnare le aziende che intendono investire all’estero. In vista dell’incontro con la delegazione cinese, individueremo, attraverso incontri mirati, le imprese che hanno i requisiti per affrontare la sfida dell’internazionalizzazione. E confidiamo – conclude il presidente di Federturismo Calabria – che in questo cammino la Regione possa essere al nostro fianco”.

l.d./labecom
Reggio Calabria, 5 giugno 2015

mercoledì 3 giugno 2015

FIP CALABRIA, GRANDE SUCCESSO PER LA FESTA DEL BASKET 2015

Più di duecento giovani atleti coinvolti al PalaMaiata di Vibo Valentia per la premiazione delle società che hanno vinto i campionati giovanili della stagione sportiva 2013/2014. Trionfo del team di Reggio Città nel Trofeo delle Province. Soddisfatto il presidente La Bozzetta: “Si consolida il percorso di valorizzazione del patrimonio giovanile calabrese”

La partecipazione di tanti giovani atleti e delle loro famiglie rappresenta il segnale tangibile che la Festa del Basket, targata Fip Calabria, è stata un grande successo. Una giornata che ha visto gareggiare in una sana competizione sportiva i migliori talenti del basket giovanile calabrese trascinando il pubblico con una vera e propria ondata d’entusiasmo e partecipazione.
In un clima di festa sono state premiate le società prime classificate dei campionati regionali della stagione sportiva 2013-2104: Scuola Basket Viola - U13 maschile; Polisportiva S. Michele di Catanzaro - U13 femminile; LU.MA.KA U14 maschile; SMAF Catanzaro - U15 maschile; Basket School Pantera U15 femminile; CAB Cosenza - U17 femminile; Viola Basket S.S.D. ARL - U17 e U19 maschile.
A rendere ancora più speciale la giornata è stata la fase finale del Trofeo delle Province con le rappresentative (Reggio Calabria Città, Reggio Calabria Provincia, Cosenza Città, Catanzaro Lido – Crotone – Soverato,  Catanzaro - Lamezia Terme - Vibo Valentia) che hanno entusiasmato il pubblico anche durante la finalissima che ha visto il team di Reggio Calabria Città, vincere un agguerrito match contro la forte rappresentativa Catanzaro Lido –Crotone – Soverato.
Infine, la gara di tiro da tre punti con oltre 25 atleti scelti tra quelli impegnati nei campionati regionali di Serie C e D che si sono affrontati con 15 tiri da cinque differenti posizioni in un minuto di tempo. La gara è stata vinta da Andrea Procopio dello SMAF Catanzaro che in un’avvincente  finale ha avuto la meglio su Francesco Versace della Basket Villa San Giovanni.
Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente della Fip Calabria, Sandro La Bozzetta, al termine di un evento che a sua avviso “costituisce  - ha affermato - una tappa annuale molto importante per proseguire su un percorso di valorizzazione del prezioso patrimonio giovanile che la nostra regione può vantare. Sono soddisfatto che ancora una volta il comitato da me presieduto sia riuscito ad organizzare una festa di basket perché crediamo che per i giovani atleti sia importante, prima di ogni altra cosa, vivere momenti di gioia, felicità e aggregazione nonché per le famiglie che durante una giornata di vacanza hanno potuto trascorrere alcune  ore di sano sport con i propri figli. Infine, le società, i tecnici e i loro staff hanno avuto l’occasione per un’attenta verifica dei progressi compiuti durante la stagione. La strada che abbiamo scelto di percorrere –  ha concluso  La Bozzetta – ci deve portare a sostenere e promuovere la crescita complessiva del movimento cestistico regionale e il prossimo 13 e 14 giugno continueremo su questa direzione con l’evento Minibasket Summer Tour Kinder+Sport  2015 che si svolgerà a Reggio Calabria”.
Grande partecipazione inoltre anche per le gare d’esibizione riservate agli atleti dell’ All star game. Una vera e propria giornata di festa che ha offerto a tutto il movimento cestistico calabrese un’ulteriore iniezione di fiducia.
La Fip Calabria invita tutti al successivo appuntamento reggino che avrà come suggestiva location  il Lungomare Falcomatà.  Durante la due giorni (13 e 14 giugno) la comunità reggina avrà l’occasione di divertirsi all’interno del villaggio Fip composto da gonfiabili e tre campi di gioco.  Reggio sarà una  delle tre tappe italiane dedicate al minibasket dell’evento “Summer Tour Kinder+Sport” organizzato dalla Fip nazionale.

Labecom
Vibo Valentia, 3 giugno 2015