sabato 5 luglio 2014

Viola, Branca: "Abbiamo preso il migliore"

Stretta di mano fra il coach e il presidente della Viola
REGGIO CALABRIA - “Circa un mese fa, parlando con Condello riguardo alla guida tecnica ho sottolineato l’esigenza di individuare un profilo in grado interpretare quel ruolo “identitario” che sul piano extra tecnico, fosse in grado di assicurare un valore aggiunto per un progetto di lunga prospettiva. La scelta, automatica, è andata subito su Giovanni Benedetto, reggino e legatissimo alla Viola. E’ proprio vero, certi amori non finiscono”.
Si presenta raggiante il presidente della Viola, Giusva Branca, nel corso della conferenza stampa di presentazione del nuovo coach dei neroarancio Giovanni Benedetto seduto al suo fianco.
“Sapevamo – prosegue Branca - del legame di un anno con Matera, ma Benedetto era la scelta migliore per il campionato Silver e insieme al patron Giancesare Muscolino abbiamo subito condiviso scelte e programmi. Più volte abbiamo sentito parlare di un Benedetto esigente. Io che lo conosco da trent’anni l’ho sempre visto soprattutto come una persona estremamente seria. Per questo va dato atto all’ottimo lavoro di Gaetano Condello che ha portato a termine, posso garantirlo, un’operazione non facile, con determinazione, precisione e equilibrio. Un lavoro perfetto che mi rende davvero orgoglioso. Benedetto – ha aggiunto il presidente della Viola – è il migliore su piazza per capacità, serietà, competenza e carisma. La squadra in tal senso non avrà alibi. Benedetto ha sposato un progetto tecnico di ampio respiro, con grandissimo entusiasmo. Progetto che riguarda la Viola e la città, oltre dunque ogni valore sportivo. La cornice identitaria in cui iniziare questo percorso tecnico si rafforza. La proprietà intende dare continuità e solidità a tutto ciò, e quindi non si sta fermando al solo discorso economico, cercando cioè di edificare qualcosa di stabile e duraturo”.
Una chicca prima di cedere la parola al coach. “In questi giorni – rivela Branca – ho parlato con Carlo Recalcati il quale mi ha detto che gli avrebbe fatto tanto piacere essere qui con noi oggi, perché per lui la Viola occupa sempre un posto importantissimo nei suoi ricordi”.

l.d./Labecom
Reggio Calabria, 5 luglio 2014

Nessun commento:

Posta un commento